Italiano

Refrigerazione industriale: il settore cresce in Italia e nel mondo

Importanti segnali di crescita arrivano dall’industria italiana delle attrezzature frigorifere industriali.

Nel 2017 il settore ha generato una produzione di 955 milioni di euro (+3,9% sul 2016) e per il 2018 si prospettano incrementi del 2% per arrivare a 1.015 milioni di euro. Aumentano anche gli investimenti: +8,8% a 27,20 milioni di euro nel 2017 e a +2,2% nel 2018.

È quanto evidenziano i dati diffusi dall’ufficio studi Anima, con la federata Assofoodtec, di cui fa parte Assocold, associazione che rappresenta i produttori di attrezzature e impianti frigoriferi industriali.

Ottimo il trend registrato sui mercati esteri che l’anno scorso hanno registrato una produzione a +4,2% con previsioni di ulteriore rafforzamento del 2,5% nel 2018  pari a 582 milioni di euro (quota del 57% sul totale).

L'Ue raccoglie il 71% delle esportazioni con la Francia al primo posto (75,3 milioni nel 2017), seguita da Germania, Regno Unito e Spagna. Nell’ambito extra Ue i principali  sbocchi sono Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, rispettivamente al nono e decimo posto.

Il commercio mondiale di attrezzature frigorifere è trainato da America del Nord, seguita da Europa e Asia Pacifico. Per il 2018 il settore è previsto raggiungere i 38,8 miliardi di euro (36,4 miliardi del 2017) per poi progredire ulteriormente e raggiungere i 53 miliardi di euro nel 2021.